Psicologo Parma Psicoterapeuta Dott.ssa Bonardi | 340.2407591

Transizione di genere :la storia di Carlo

Transizione di genere :la storia di Carlo

Questa è la storia di Carlo che, già in età adolescenziale, corrispondente ai sedici anni, presenta i seguenti disagi: non accetta il suo corpo maschile, non condivide momenti empatici con i suoi compagni maschi, prova un senso di vergogna che lo porta a nascondersi per evitare di esporsi a situazioni conflittuali.

Sente di essere “fuori posto “, si sente in colpa per deludere le aspettative altrui, inizia a non esprimere i suoi sentimenti e attitudini, correndo il rischio di diventare estraneo, oltre che all’ambiente, anche a sé stesso.

Questa sensazione di estraneità gli produce un distacco dalla realtà, una fuga da essa in quanto ritenuta non sostenibile emotivamente.

La sessualità è vissuta “zoppa”, il desiderio è fantasticato ma non realizzato, gli approcci con il genere femminile sono “di maniera”, non sentiti come autentici in quanto non mossi da desiderio, ma “forzati” da stereotipi esterni e convenzionali.                                                              

Partendo dal presupposto che “dove fuggi, porti sempre dietro te stesso” (Seneca), le conseguenze sono una instabilità di umore, una persistente insonnia, una incapacità di concentrarsi su progetti a breve e a lungo termine e una difficoltà a organizzare le proprie attività quotidiane.

Se non si sa più chi si è, non si può sapere cosa si desidera: questo è il punto cruciale della sua sofferenza.

Ricercare sé stessi non dove c’è luce, ma proprio nel punto in cui ci si è persi, richiede di non distogliere lo sguardo e di attraversare il proprio buio, per poterne venire fuori, elaborandolo.

PRESA IN CARICO TERAPEUTICA: OBIETTIVI E RISULTATI

Carlo a questo punto si decide di chiedere aiuto e, tramite il mio supporto psicologico, diventa cosciente della sua problematica: la sua femminilità, da sempre nascosta, repressa, rimossa, esce finalmente fuori e grida forte.

Finalmente ha toccato il suo problema. Tocca a lui, alla sua determinazione e tenacia, risolverlo.

Da qui ha inizio il suo lavoro etero e autodiretto: ricostruirsi, ricomporsi, tornare ad amarsi, alla luce di questo insight.

La sua ricerca è di una base affettiva stabile, in cui possa riconoscersi come persona e che funga da costante nel cambiamento che sta per intraprendere.

Teme di mettere a disagio gli altri, in particolare che la visione del suo corpo disturbi, arrechi fastidio e comporti di conseguenza l’evitamento da parte degli altri.

Sente che una parte del suo corpo si è formata in modo anomalo, prova imbarazzo e estraneità e, come difesa, perpetra la sua strategia di nascondersi. Si sente allora costretto a recitare una parte, e la recita, inventandosi, come lui stesso mi dice, “una bugia al giorno”.

Dottoressa Pierangela Bonardi
Psicologa Psicoterapeuta - Parma - Reggio Emilia

Ambiti di intervento

  • Infanzia e adolescenza
  • Management nelle organizzazioni
  • Problemi di gestione delle emozioni
  • Le avversità della vita
  • Problemi di coppia
  • Attacchi di panico
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • Ansia generalizzata
  • Fobie nelle varie forme
  • Disturbi sessuali
  • Disturbi ossessivo-compulsivi
  • Disturbi alimentari
  • Depressione nelle varie forme
  • Dipendenze

Approfondimenti

Disturbi d'Ansia: quando il pericolo è interno

Disturbi d'Ansia: quando il pericolo è esterno

Coppie

Effetti psicologici del virus

Le sensazioni di base

In famiglia

Sessualità

Cibo

Dipendenze patologiche

Transizione di genere

Altro

Presente su

Dottoressa Pierangela Bonardi Parma - Reggio Emilia

declino responsabilità | privacy | cookies | codice deontologico

Dott.ssa Dott.ssa Pierangela Bonardi
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Emilia Romagna 0907 dal 08/06/1993
Iscritta all'Albo Psicoterapeuti Emilia Romagna (03/03/1995)
Laureata in Pedagogia e Psicologia, Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulente del Tribunale di Reggio Emilia

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Pierangela Bonardi
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it