Psicologo Parma Psicoterapeuta Dott.ssa Bonardi | 340.2407591
  • Psicologa Psicoterapeuta Parma
    “Le avversità non le affrontiamo perché sono difficili, ma sono difficili perché non le affrontiamo”
    Seneca
  • Psicologa Psicoterapeuta Reggio Emilia
    “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”
    Seneca

Psicologa a Parma - Psicoterapeuta Dott.ssa Bonardi

Psicologa Parma

Psicologa e Psicoterapeuta,  laureata in Pedagogia e specializzata nei disturbi dell’apprendimento, laureata  in Psicologia e specializzata in Psicoterapia breve strategica ,sessuologa , consulente del Tribunale di Reggio Emilia in materia di affidi e adozioni

Cosa ho studiato e cosa ho imparato

  • Laurea di pedagogia: "uomo altro non e' che la sua educazione" ( ABATE DI CONDILLAC)
  • Laurea in psicologia: "non sono le cose in se stesse , ma le opinioni su esse a disturbarci "( EPITTETO)
  • MASTER DI PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA conseguito presso il Centro di Terapia Breve Strategica di Bologna: "Agisci sempre in modo da aumentare il numero delle scelte "(H.Von Foerster)"
  • Frequenza scuola biennale terapia breve strategica: "sii quello che vorresti che il mondo fosse" (GANDHI)
  • Clinica: "non esistono pazienti impossibili, solo terapeuti incapaci" (NARDONE)
  • CTU del tribunale di Reggio Emilia per analisi competenze genitoriali e affido minori

Leggi di più

Il mio approccio: conoscere cambiando

  • Primo passo: “conosci te stesso (Socrate).
    Analizzo come funziona il problema che il paziente mi porta, come lo ha affrontato fino ad ora, quali soluzioni ha adottato finora per risolverlo, “perché’ a volte il problema esiste proprio in virtu’ di quello che è stato fatto per risolverlo” (Watzlawick, 1974).
  • Secondo passo: mi sono scavato da solo la trappola in cui sono caduto!
    Individuata la trappola mentale, emotiva o relazionale che sta bloccando le sue   risorse nel rapporto con se stesso, con gli altri e con il mondo, costruisco con il paziente gli obiettivi da raggiungere.
  • Terzo passo: “se vuoi vedere, impara ad agire”(Von Foerster).   
    Tramite prescrizioni e interventi terapeutici calzati sul problema e sulle diverse forme di patologia (fobica, ossessiva, depressiva etc), faccio “agire “il cambiamento al fine di far cambiare al paziente la percezione del suo problema, di conseguenza la reazione emotiva, di conseguenza il comportamento, di conseguenza la  comprensione.
  • Quarto passo: “Prima sentire, poi capire” (Nardone, 2004).
    Il cambiamento è inevitabile in quanto viene accettato dal paziente che prima ha sentito, poi ha capito!
    Il processo di scoperta e di risoluzione del problema è stato un percorso in cui, passo dopo passo, paziente e terapeuta hanno costruito assieme il percorso di cambiamento.
  • Quinto passo: consolido i risultati ottenuti
    Programmo alcune sedute di controllo, al fine di consolidare il senso di autoefficacia del paziente e di rendere stabile e abituale il cambiamento avvenuto.

"Non si può non comunicare" - Watzlawick, 1967

Distinzione tra psicologo e psicoterapeuta

Chi siamo ? Come operiamo? Facciamo chiarezza

Psicologo: aiuta a gestire al meglio le proprie risorse relazionali, di coppia , familiari , lavorative.
Lavora affinché’ il problema non diventi disturbo, si fissi e si cronicizzi, con carichi emotivi più pesanti e percorsi più lunghi e impegnativi.
Utilizza questa metodologia di base:

  • analizza il tipo di problema, sia” qui” ed “ora”, sia inquadrandolo nella storia del paziente
  • analizza le soluzioni fino ad ora tentate dal paziente
  • costruisce, con la collaborazione del paziente, le strategie più adeguate per risolverlo
  • individua, assieme al paziente, obiettivi di cambiamento che siano: chiari, misurabili, realistici, raggiungibili.

È in possesso della laurea in Psicologia ed è iscritto all’Ordine degli Psicologi relativo alla Regione di appartenenza.

Psicoterapeuta: lavora sui disturbi già evidenziati e fissati, che generano una forte sofferenza psichica e che compromettono il funzionamento relazionale, familiare, lavorativo della persona. Ha una formazione teorico pratica conseguita presso Scuole di Specializzazione post- laurea, che possono essere di diversi indirizzi, quali: cognitivo- comportamentale, sistemico, relazionale, analitico- transazionale, breve strategica.

Entrambi, nei loro rispettivi ruoli, sanno dare al paziente due forti input:

  • il senso di speranza: il paziente sente aprirsi un orizzonte di vita a cui non credeva più
  • la sensazione di possibilità: il paziente esce dalla trappola che lo blocca, recupera e riorganizza le sue risorse nei rapporti con se stesso, con gli altri, con il mondo.

Quando chiedere una consulenza specialistica?

  • prima che i problemi diventi disturbo, con carichi emotivi più pesanti.
  • se ci si sente in trappola, con una sensazione di estraneità verso se stessi, gli altri e il mondo.
  • quando la “febbre emotiva” si alza e le sensazioni di paura, di rabbia, di dolore o di piacere non si gestiscono più e ci sommergono.
  • quando non si riesce più a organizzare   la propria quotidianità: quello che prima appariva facile diventa una difficoltà insormontabile.

Prima che il problema si fissi e si trasformi in un disturbo, una consulenza specialistica aiuta a:

  • guardare in faccia il proprio problema
  • definire in modo chiaro e misurabile i propri obiettivi di vita
  • recuperare un senso di efficacia sulle proprie possibilità di credere in se stessi, esprimendosi, superandosi, andando anche oltre i propri limiti.

Psicologo e Psicoterapeuta ci aiutano a guardare la natura e a imparare da essa, diventando, a piccoli passi, “come le aquile che nel mezzo della tempesta  non si nascondono negli anfratti per proteggersi, bensì volano più in alto dei venti e delle piogge”.(Nardone, 2021)

ASSISTENZA PSICOLOGICA COVID-19

"NOI SIAMO QUELLO CHE FACCIAMO"
Gandhi

DON ABBONDIO SI SBAGLIAVA : il coraggio, se uno non ce l’ha,puo’ darselo...Come?

Allenandoci a guardare in faccia la nostre sensazioni di paura e di ansia, concedendocele, coccolandole...
Allenamento psicologico piu’ che mai necessario ora, in tempo di emergenza sanitaria.
PRIGIONIERI NEI NOSTRI SPAZI DAL DECRETO SANITARIO, MA NON DALLE NOSTRE PAURE.
INSICURI E INCERTI SU COME LA SITUAZIONE SI EVOLVERA’, MA NON SULLE NOSTRE CAPACITA’ DI RESILIENZA .

Per ottenere questi obiettivi , comunico la mia disponibilità a CONSULENZA ON LINE , VIA SKYPE O VIDEOCHIAMATA WHATSAPP, previa prenotazione sul cellulare e risposta immediata.

Ultimi articoli

Quando il cibo è mortifero

panico

Alberto si presenta sfiduciato. Si fa la diagnosi da solo. “Anginofobia” dice. Sta continuando a dimagrire. Davanti al cibo si blocca, pieno di paura. Teme di strozzarsi, di soffocare con il cibo e si blocca...

Leggi tutto

Il sovrappeso: il cibo può sedare il mio dolore?

panico

Il mangiare sedativo e consolatorio è frequente anche in soggetti in sovrappeso, e non soltanto obesi: spilluzzicare, mangiare di notte, fare diete drastiche, sono alcuni dei comportamenti che vengono attivati...

Leggi tutto

Leggi tutti gli articoli

Interviste

Hai bisogni di chiarimenti o informazioni?

Non esitare a contattarmi se hai dei dubbi o delle domande specifiche, ti risponderò il prima possibile.

Contattami

Ambiti di intervento

  • Disturbi d’ansia e da panico in tutte le varie forme
  • Fobie in tutte le loro forme: dalle più lievi (paura del rifiuto, del conflitto, di fallire, di essere inadeguato) alle più severe (acrofobia, agorafobia, claustrofobia, fobia sociale, dismorfofobia. anginofobia)              
  • Depressioni: delusi da sé stessi, dagli altri, dal mondo
  • Ossessioni- compulsioni: quando i rituali che dovevano proteggermi mi aggrediscono e mi torturano
  • Disturbi sessuali: disturbo dell’orgasmo e dell’eccitazione sessuale sia femminile che maschile, ansia da prestazione, disturbo del dolore da penetrazione
  • Disagio da disforia di genere: quando il “minority stress” diventa una trappola che mi condanna e mi isola
  • Disturbi alimentari nelle varie forme: anoressia, bulimia, vomiting, binge eating, ortoressia
  • Mediazione familiare: quando la separazione diventa un problema nel rapporto con sé stessi e coi propri figli
  • Gestione dei conflitti e delle relazioni in famiglia, nel sociale, sul lavoro
  • Disagio adolescenziale: non so più chi sono stato, non so chi diventerò
  • Disturbo post- traumatico da stress: quando mi porto addosso le macerie del passato

Parole e pensieri

"Ho messo i pesi su un tavolo , li ho tolti da me... aria , aria , leggerezza dentro di me

Mario disturbo ossessivo-compulsivo
Leggi altre testimonianze

I MIEI CONTATTI

Via del Fante 35, REGGIO EMILIA 0522.506115

Via Collegio dei Nobili 4, PARMA 0521.287002

Telefono cellulare 340.2407591

Dottoressa Pierangela Bonardi Parma - Reggio Emilia

declino responsabilità | privacy | cookies | codice deontologico

Dott.ssa Dott.ssa Pierangela Bonardi
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Emilia Romagna 0907 dal 08/06/1993
Iscritta all'Albo Psicoterapeuti Emilia Romagna (03/03/1995)
Laureata in Pedagogia e Psicologia, Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulente del Tribunale di Reggio Emilia

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Pierangela Bonardi
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it