Psicologo Parma Psicoterapeuta Dott.ssa Bonardi | 340.2407591

Devo essere assolutamente sicura prima di agire

Francesca: lamenta di non essere mai soddisfatta, di cercare la perfezione e il controllo in tutto quello che fa.

  • Sul lavoro: controlla i conti più volte, non delega, non dice mai di no.
  • In casa: pulisce in modo continuativo e ripetitivo fino allo sfinimento fisico.
  • Con la figlia: le chiede di seguire ritmi troppo pressanti tra scuola, sport, compiti. 

A dispetto di tutto questo suo affaccendarsi, la sua sensazione è di non avere fatto mai abbastanza, abbastanza presto, abbastanza bene. Nelle rare condizioni in cui sente di avere raggiunto l’obiettivo, si rammarica per non averlo raggiunto prima.

La sua sensazione di fondo è di continua insoddisfazione e il presente è annullato dal pensiero di quello che dovrà fare dopo.

La mia prima prescrizione è una forte suggestione: arrivo fin davanti al dirupo, guardo il mio abisso. Cosa potrei fare o non fare, pensare o non pensare, se volessi caderci dentro?

Cosa potrei fare o non fare, pensare o non pensare, se volessi volontariamente peggiorare?

Come effetto della prescrizione riferisce di sentire avversione verso il suo perfezionismo che le toglie serenità e le impedisce di apprezzare quello che fa.

Dentro a questa sua nuova sensazione mi inserisco e costruisco una concordanza su alcune ulteriori prescrizioni, al fine di attivare in lei un “diverso” sentire, che non può non partire dall’agire, sempre a piccoli passi e con gradualità.

Creare, in altre parole, le condizioni per “inserire un po' di disordine dentro l’ordine, che declinato su di lei diventa “un po’ di incompletezza nella completezza, un po’ di imperfezione nella perfezione “.

  • Sul lavoro: ogni giorno potrebbe commettere un piccolo errore volontario, qualcosa di minimo, come un errore di battitura in una e-mail o un decimale sbagliato in un conteggio, con l’obiettivo di “allenarsi” a concedersi piccoli errori.
  • In casa: lasciare incompiuto qualche lavoro, decidendo giorno per giorno quale trascurare.
  • Con figlia: non disperdersi tra mille richieste e pressioni, ma scegliere le regole prioritarie in base ai suoi principi e ai messaggi che le vuole far passare.

Al tempo stesso, vista la sua forte motivazione, l’accompagno a guardare fuori da sé stessa ad aprire i suoi occhi che spesso sembrano quelli di “una marionetta con gli occhi caduti dal di dentro”, verso lo scenario che potrebbe configurarsi oltre al problema: se fossi già fuori dal problema, che scenario mi immagino? cosa farei d se quel momento fosse adesso?

Francesca mi segue, collabora e, a quanto mi dice “sento che un gran peso è andato via, mi sento più leggera, mi concentro di più sulle cose veramente importanti, mi organizzo di più sul qui e ora e accetto i miei sbagli “

Ascoltiamo le sue stesse parole:
“Ricordo all’inizio che ci siamo conosciute perché la mia esigenza era quella di riuscire ad organizzare al meglio la mia giornata, che fosse lavorativa piuttosto che familiare. Pierangela mi ha trasmesso subito fiducia e sono riuscita ad aprirmi con lei. L’appuntamento fisso che avevamo era diventata una piacevole chiacchierata con un’amica “di vecchia data” in grado di poter capire le tue emozioni, i tuoi stati d’animo che emergevano durante i nostri incontri. La grandissima capacità di Pierangela è stata quella di carpire fra le mie parole, l’enorme disagio creato dal perfezionismo, che mi ha creato probabilmente fin da piccola. Quando inizialmente, secondo il suo approccio terapeutico, mi disse che dovevo fare errori di proposito, rimasi sbalordita. Ma come? Io che devo avere tutto perfetto, come posso commettere errori?! Le prime volte dover lasciare qualche lavoro incompiuto oppure con qualche difetto/errore sono stati una fatica tremenda. Tralasciavo, ma avevo il cosiddetto “chiodo fisso”. Poi lentamente capivo che poi non era la fine del mondo, fino al punto che i nostri incontri si sono diradati e quando Pierangela mi ha comunicato che il problema lo riteneva risolto e superato, ho reagito piangendo. Dapprima per la commozione per l’aver finalmente superato un problema che mi creava tanto disagio, in secondo luogo perché Pierangela, la “vecchia e cara amica” non l’avrei rivista per un po’ di tempo. Le nostre chiacchierate erano diventate un appuntamento fisso per me ed un punto di riferimento. Mi permettevano di mettermi a nudo e lei con la sua empatia è stata in grado di percepire anche i più reconditi aspetti”.


Dottoressa Pierangela Bonardi
Psicologa Psicoterapeuta - Parma - Reggio Emilia

Ambiti di intervento

  • Infanzia e adolescenza
  • Management nelle organizzazioni
  • Problemi di gestione delle emozioni
  • Le avversità della vita
  • Problemi di coppia
  • Attacchi di panico
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • Ansia generalizzata
  • Fobie nelle varie forme
  • Disturbi sessuali
  • Disturbi ossessivo-compulsivi
  • Disturbi alimentari
  • Depressione nelle varie forme
  • Dipendenze

Approfondimenti

Disturbi d'Ansia: quando il pericolo è interno

Disturbi d'Ansia: quando il pericolo è esterno

Coppie

Effetti psicologici del virus

Le sensazioni di base

In famiglia

Sessualità

Cibo

Dipendenze patologiche

Altro

Presente su

Dottoressa Pierangela Bonardi Parma - Reggio Emilia

declino responsabilità | privacy | cookies | codice deontologico

Dott.ssa Dott.ssa Pierangela Bonardi
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Emilia Romagna 0907 dal 08/06/1993
Iscritta all'Albo Psicoterapeuti Emilia Romagna (03/03/1995)
Laureata in Pedagogia e Psicologia, Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulente del Tribunale di Reggio Emilia

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Pierangela Bonardi
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it